Meetup Movimento 5 Stelle San Pietro Infine

venerdì 9 marzo 2018


DIRITTI UMANI E FISIOLOGIA ALIMENTARE


La Costituzione italiana sancisce che ogni persona ha il diritto di essere istruita, curata, aiutata nel suo sviluppo psicofisico, qualunque sia il suo stato esistenziale; come ad esempio: differenze sessuali o religiose, ed infine essere nutrito per il suo benessere vitale. Però questo diritto viene giornalmente calpestato, da misere entrate economiche, le quali creano squilibri alimentari. In effetti un soggetto o una famiglia, con un’entrata economica bassa, questa pochezza va inevitabilmente a riflettersi anche sull’alimentazione. Pertanto possiamo affermare che quando vi sono condizioni economiche insufficienti, l’alimentazione ne risente fortemente. Eppure la fisiologia alimentare è l’unico elemento che ci accomuna e ci rende uguali, perché nessuno di noi può fare a meno di rifocillarsi. Infatti solamente questa realtà fisiologica ci rende uguali, perché dobbiamo per forza di cose mangiare, bere, e andare al bagno. Infatti tanti comportamenti psicologici, ci fanno capire che ognuno di noi reagisce difronte ad una situazione in modo diverso. Facciamo alcuni esempi: ci possiamo emozionare difronte ad un sorriso o al sentire un tono di voce, oppure davanti allo sbocciare di un fiore, oppure ancora quando ognuno di noi si emoziona in modo più o meno valido durante il rapporto amoroso. Come possiamo notare sono tante le differenze dei comportamenti umani, pertanto dobbiamo assolutamente affermare che l’uguaglianza umana è solo quella della fisiologia alimentare. Anche le menti più illuminate, oppure quelle più disadattate, devono sottostare al bisogno alimentare. Pertanto uno Stato che non promuove e non tutela l’uguaglianza alimentare, non si può definire uno Stato democratico, infatti la vera democrazia non calpesta l’uguaglianza effettiva.



Nessun commento:

Posta un commento